Gli uranici

Gli Uranici sono una popolazione dedita alla pastorizia e allo studio della termodinamica. Non usano le doppie ma nelle loro mani è possibile osservare diversi elementi lucidi – pezzi di strumenti musicali. Il panorama, impulsivo e orbitale, è rallentato dal laborioso accumulo del colore. Pur differenziandosi in maschi e femmine, dimostrano propensione al canto. Si dice che alcuni, ben sviluppati nel corpo e spesso sognatori, abbiamo vissuto sotto copertura sulla Terra.
Questi esseri intermedi (tra angeli e uomini) sono esperti di ingranaggi – allo stesso modo il tempo propaga nelle tubature e nella grammatica, quando l’amaro delle medicine insegue gli insetti notturni. Si aggiungano gli indispensabili rigonfiamenti e un nero coprente si annuvolerà sul manuale d’istruzioni.

Segue molta rotondità.

Pellegatta Alberto (Milano, 1978), inedito

Annunci

Chi separa e scarta secondo un progetto

La grandezza è una disinvoltura, non è uno stile.

A. Martín

 

Chi separa e scarta secondo un progetto
crea esuberi incessanti.

Scriviamo senza calore
non ciò che avreste voluto
ma quello che non avete
pensato. Non per riscatto
ma per vendetta.

Non è mai
ciò che abbiamo scritto.

 

Alberto Pellegatta (Milano, 1978), da Ipotesi di felicità (Mondadori, 2017)