Cu mora prima tra nuautri dui?

Cu mora prima tra nuautri dui?
Tu,
speru,
ca ju ancora sugnu carusa,
e cosi n’aja vìdiri e scrìviri.
Chiancìrti tantu,
nunn’è cosa nova ppi mia:
o vivu o mortu,
cuntu nun mmi n’ha datu mai,
perciò ppi mia
nun cancia assai.

 
Dina Basso (Scordia, 1988), da Uccalamma. Bocca dell’anima (Le Voci della Luna, 2010)

Chi muore prima tra noi due? / Tu, / spero, / ché io sono ancora giovane, / e cose ne devo vedere e scrivere. / Piangerti tanto, / non è cosa nuova per me: / o vivo o morto, / conto non me ne hai mai dato, / perciò per me / non cambia molto.

 

 
Annunci

Dina Basso consiglia Edoardo Zuccato

La lüs da bon cumand l’è un gran pitur
e la fa gió ritratt par tücc
a dumandàgh in daa manera giüsta
da lassà chì un retàngul da ricord.

Ma ti la machina vérdala no
’me i urévas i cassett di bisgiù;
pütòst pensa ai lastron da prea liscia
temé i lastar di foto che i geolugi
tiran föra ien da fossil, i pess
ca pâr di frasch ei frasch di pess,
e tütti insema hinn diventâ di sass
sü chì futugrafij c’ha faj ul scür.

Oh busch, oh mar di mort, mai mort dal tütt,
se i piant da prima hinn diventâ da sass
e sass e tera hinn diventâ di piant,
l’è ’l ciel ca l’è sen’ drê futugrafà
ul mar o ’l mar ca ’l futografa ’l ciel
temé ’l nagótt l’è ’l negativ dul mond
e dul nagótt ul negativ l’è Diu?

Edoardo Zuccato (Cassano Magnago, 1963),  da I bosch di Celti – Il bosco celtico (Sartorio edizioni, 2008)

La luce generosa è un gran pittore / e fa il ritratto a tutti / se lo si chiede nel modo giusto / di lasciarci un rettangolo di ricordi. // Ma tu non aprire la macchina fotografica / come gli orefici gli scrigni dei gioielli; / piuttosto pensa ai lastroni di pietra liscia / come lastre fotografiche che i geologi / estraggono piene di fossili, i pesci / che sembrano foglie o le foglie che sembrano pesci, / tutti quanti pietrificati / su quelle fotografie fatte dal buio. // Oh bosco, oh mare dei morti, mai morti del tutto, / se le piante di prima diventarono pietra / e pietra e terra diventarono piante, / è il cielo che non smette mai di fotografare / il mare o il mare che fotografa il cielo / come il nulla è il negativo del mondo / e del nulla il negativo è Dio?

Edoardo Zuccato è un poeta che scrive in dialetto altomilanese; propongo di leggerlo perché, a mio parere, è un dei pochi che riesce a dire tutto col dialetto: il reale, l’astratto, l’irreale e l’invisibile, sempre scrivendo testi composti, compiuti. Non è una cosa semplice, perché il dialetto, seppure possa dar voce ad ogni aspetto della vita, nasce inevitabilmente dalla concretezza, ed è facile che si resti imbrigliati in una poetica del “quotidiano forzato”. La poesia che ho scelto inanella interrogativi enormi e quasi indicibili, ma parte dalla certezza che il legame tra morte e vita accomuni tutti gli esseri. Non sappiamo se questo destino collettivo possa dirsi illuminato dal nulla o dalla luce di Dio; ma possiamo continuare a interrogarci in merito, provare a scrivere belle poesie. (Dina Basso)


Ava decianni

                                                                                                     A Goliarda Sapienza

Ava decianni,
ca m’abbruciu,
ca ‘nfestu na casa
e llordu cucini,
ma ancora u viziu i friiri,
nun m’aju livatu:
ca certu,
cchi fimmina si
suddu nun sai friiri ?
Picchì i masculi su comu
Ddì pisci scunchiuruti
– usu miruzzu –
can un sanu i nenti,
e sulu na fimmina
– ca ‘nfarina e chianta focu,
i ppò prisintari a taula;
sulu ca a frittura
‘ntuppa arterii
jetta pisanti
aggruppa
acchiana:
ma chistu a niautri fimmini
ni piacia scurdarinnillu,
e ni dicemu quasi priannu
ca si campa na vota sula,
si mangia soccù s’attrrova
e c’abbasta
canciarici l’ogghiu, mintirici
a carta di sutta,
ca fa menu mali,
anzi,
mali nun fa.

Sono dieci anni / che mi brucio, / che infesto la casa intera / e sporco cucine, / ma ancora il vizio di friggere, / non me lo sono levata: / che certo, / che femmina sei / se non sai friggere? // Perché i maschi sono come / quei pesci senza sapore / – tipo merluzzo – / che non sanno di niente, / e solo una donna / – che infarina e accende il fuoco, / li può portare in tavola; / solo che la frittura / ostruisce le arterie / risulta pesante / si blocca / risale: / ma questo a noi donne / ci piace dimenticarlo, / e ci diciamo quasi pregando / che si campa una volta sola, / si mangia quel che si trova / e che basta / cambiare l’olio, metterci / la carta di sotto, / che fa meno male, / anzi, / male non fa.

Dina Basso (Scordia (CT), 1988)