Umberto Fiori consiglia Franco Loi

De Diu sun matt

De Diu sun matt, se streppa la cusciensa.
Vu ‘n gir, el pensi, me ‘l remèni, e vu…
E püssè ‘l pensi, e pü ghe sun luntan.
Diu l’è schersûs… L’è cume fa la lüna,
ch’i mè penser în nüver, e lü se scund.
Inscì, me tundi via, parli cuj òmm,
e matta l’è la lüna, ciara lünenta,
cun la sua lüs che slisa ne la nott.

 

Franco Loi (Genova, 1930), da Memoria (Boetti&C., 1991) 
Di Dio sono pazzo, si strappa la coscienza.
Vado in giro, lo penso, me lo rimugino, e vado…
E più lo penso, e più gli sono lontano.
Dio è scherzoso… E’ come fa la luna,
che i miei pensieri sono nuvole, e lui si nasconde.
Così, mi distraggo, parlo con gli uomini,
e matta è la luna, chiara luneggiante,
con la sua luce che scivola nella notte.

Alla poesia di Franco Loi –una delle più forti e autentiche dell’ultimo Novecento- molti sono costretti ad accostarsi attraverso la traduzione in lingua messa a disposizione dall’autore. Sereni, Fortini, Giudici –lettori decisivi per il riconoscimento critico del poeta negli Anni ‘70- capivano il milanese come si può capire il tedesco, o il russo. Fortuna ha voluto che il sottoscritto –ligure di nascita, deportato a Milano a cinque anni- abbia respirato questo ostrogoto cordiale e spigoloso fin da piccolo. Loi, io lo leggo direttamente in dialetto, e l’ho persino cantato (grazie alla musica del mio amico Tommaso Leddi). Il testo che ho scelto è uno dei miei preferiti; l’imbarazzo che mi trasmette la sua versione italiana (seppure “d’autore”) è rivelatore. Le svise sintattiche, che nell’originale animano il testo, in italiano risultano goffe e legnose; rimuginare è l’ombra “signorile” di remenâ; l’epiteto luneggiante un penoso ingessamento dell’originale lünenta; il verbo scivola è l’eco insipida dell’etereo slisa. Eccetera. Ascoltata in milanese, questa lirica è la quintessenza della poesia di Loi: una mistica “bassa”, colloquiale e profonda, che rivolta la grande tradizione lirica italiana, infondendole nuova intensità.  (Umberto Fiori, marzo 2014)

 

Annunci

Milo De Angelis consiglia “La gàbia del leun” di Franco Loi

La gàbia del leun l’era de aria,
de aria la mia mama, quèl cappell,
el brasc del mè papà l’era de aria
sü la mia spalla, i mè man che streng,
e aria el rìd di öcc e duls de aria
de quèla vita ch’ù insugnâ‚ l’azerb.
Eren de aria lur, e mì, chissà,
che sun stâ‚ fermu a vardàj andà.

 

Franco Loi (Genova, 1930), da da L’aria (Einaudi, 1981)

 

 

La gabbia del leone era di aria,
di aria la mia mamma, quel cappello,
il braccio di mio padre era di aria
sulla mia spalla, le mie mani che stringono,
e aria il ridere degli occhi e dolce d’aria
di quella vita di cui ho sognato l’acerbo.
Erano d’aria loro, e io, chissà,
che sono stato fermo a guardarli andare.

Il motivo dell’aria attraversa tutta la poesia di Franco Loi. L’aria lo trasporta nel futuro ignoto oppure nelle ombre del passato, come in questi versi segnati dal respiro dell’infanzia. Ed ecco che vediamo Loi bambino, in un giardino zoologico, con il padre e la madre che lo tengono per mano, come in un’antica foto di famiglia. Tutto è invaso dall’aria. La gabbia del leone, il braccio, il cappello, le mani, gli occhi ridenti, tutto un mondo infantile e carico di promesse che Loi ha sempre cantato con la forza struggente della sua voce. La poesia è cadenzata da quest’aria che avvolge ogni cosa e la porta via, compresi i genitori, rapiti dall’aria e condotti in altri tempi e in altri luoghi. Solo il poeta resta lì, fermo, nel turbine delle presenze amate e le vede scomparire per sempre e dà loro l’ultima possibile parola.

Milo De Angelis

 


L’è no quistiun de droga o de la sgnappa

L’è no quistiun de droga o de la sgnappa,
che quel che brüsa den’ l’è ‘l nost sperà,
trattà cuj òmm e pèrdess ne la lappa,
‘na storia s’ceppa che ghe fa penà…
L’è lì la vita, e le sluntana el vent,
e mai ghe sarèm dent cume a nuà…
L’è culpa del durmì, del viaculvent
de tanta giuentü prunta a massàss…
el capì no, vultàss, quel fàss dement
per minga vêd la merda del sugnàss,
quel scùndess ne la pulver del mument
e vègh paüra di fis’c del memurià…
E alura stèm lì schisc, a streng i dent,
pien de nagott, alegher nel pissà…

 

Non è questione di droga o di grappa,
ché quel che brucia dentro è il nostro sperare,
trattare con gli uomini e perdersi nella chiacchiera,
una storia spezzata ci fa penare…
È lì la vita, e l’allontana il vento,
e mai ci saremo dentro come nel nuotare…
È colpa del dormire, del matto disperarsi
di tanta gioventù pronta ad ammazzarsi…
…il non capire, voltare la testa, quel fare gli scemi
per non vedere la merda del nostro sognare,
quel nascondersi nella polvere del momento
e aver paura dei fischi della memoria…
E allora stiamo sottomessi, a stringere i denti,
pieni di niente, allegri nel pisciare…

 

Franco Loi  (Milano, 1937), da Voci d’osteria (Mondadori, 2007)