Más hondo

Hay vidas
en las que el alma                                                                                                                                                             se abre                                                                                                                                                       más hondo                                                                                                                                               que donde esas vidas laten,

se abre como un relámpago
sin cielo ni trueno,

                 como una herida sin pecho

                                                o un abismo                                                                                                                                                    donde la belleza es alba.

Hugo Mujica (Avellaneda, 1942), da E sempre dopo il vento (Raffaelli, 2013)

Più profonda

Ci sono vite
in cui l’anima                                                                                                                                                           si apre                                                                                                                                                         più profonda                                                                                                                                               di dove quelle vite palpitano,

si apre come un lampo
senza cielo né tuono,                                                                                                                                                                                                                                                                                                               come una ferita senza petto                                                                                                                                                                                                                                                                                                                      o un abisso                                                                                                                                                       dove la bellezza è alba.


Perché tardi? Da sempre sono qui

Perché tardi? Da sempre sono qui,
o così sembra alle mie dita inquiete
che tormentano le tasche
del vecchio impermeabile. È giorno fatto.

L’oscura primavera smuove appena
l’acqua del lago attento.
Nulla finisce, o tutto, se immobile
decido di non esserci.

Alida Airaghi (Verona, 1953), da Omaggi (Einaudi, 2017)


Si piange soprattutto di domenica

Si piange soprattutto di domenica
davanti a certe palme altissime
che sbandierano al vento del golfo dita verdi fiammanti.

Ci si piega,
accosciati di lato, a piedi nudi
sul pavimento di scaglie miste,
freddo, delle case in affitto

che ritenevo seriamente – e raccontavo –
contenesse alcuni diamanti ed altre gemme,
e si vedeva bene da quei luccichii.

Organizzavo tutti gli altri bambini del palazzo,
le loro piccole teste ben pettinate.
Preparavo spedizioni, scavi…

Rossella Tempesta (Napoli, 1968), da Libro domestico (Ghenomena, 2011)


CRIPTA DEI CAPPUCCINI

anche loro sono posti a sedere in attesa
anche lui il primo a sinistra dopo le scale.

dopo lo strappo del ticket fracasso che scende
rimbomba la cripta ma è sonnolento il rimbombo.

PER FAVORE SILENZIO PER FAVORE RISPETTO
del luogo e dei sintomi e delle mummie in platea.

si instilla il sospetto siano di più nei comparti
a seguire il passaggio dei muti nel tunnel.

NO FOTO fa fresco divieto di farli immortali
PER FAVORE SILENZIO per favore i farfugli

i morti li odiano. ad esempio quello con l’abito
scuro somiglia ad un vivo rimasto alla luce

ché qui non voleva incontrarsi. guardalo: è lui.

Luciano Mazziotta (Palermo, 1984), da Posti a sedere (Valigie Rosse, 2019)


Due tempi

La civetta è un uccello pericoloso di notte
quando appare sul suo terreno
come un attore sulla scena
ha smesso la sua parte di zimbello.
Con una strana voce
fa udire il suo richiamo,
vola nell’aria notturna.
Allora tace chi si prendeva gioco,
si nasconde dietro un riparo di foglie.
Ma è breve il seguito degli atti,
il teatro naturale si allontana.
All’apparire del giorno
la civetta ritorna al suo nido,
al suo dimesso destino.

Giampiero Neri (Erba, 1927), da Liceo (Guanda, 1986)


Lo splendore del buio

E la sera discese come uno che se ne va via
recando oltre la porta l’estremo bagliore
del corridoio, lasciando odore di freddo
oltre la soglia adorata e ignare
dove al mattino col primo oro radioso
era passata come una fata la sposa,
interrompendo la clessidra, suscitando le ore,
muovendosi tra i davanzali come in una piscina.

Là, oltre l’argine oramai buio,
dove si genera il desiderio e il sogno si prepara,
siepe su siepe l’occhio fissò ogni sera,
nell’aspro confine tra la regione oscura
e l’ultimo odore dell’erba conosciuta,
premendo la nostalgia del ripetuto addio

lontano, dove si rigenera il fiore del sogno,
nel buio che risplende a poco a poco
sui fiumi oblianti e ricordati dal cuore,
quando nella sala senza suono brilla un bicchiere
e il sonno nutre la memoria gloriosa.

Roberto Mussapi (Cuneo, 1952), da Gita Meridiana (Mondadori, 1990)


L’erosione non ha fine

L’erosione non ha fine.

«Il resto è sospiro. Simulazione.
Miseria della bocca».

Domenico Brancale (Sant’Arcangelo, 1976), da Per diverse ragioni (Passigli, 2017)