L’ultimo giorno

Non c’è niente da fare l’ultimo
giorno, guardare soltanto
la scala quaranta e fuori i tornei
sui campi sintetici, ovunque nachos
con Coca e sfogliatine, la pelle
già moka per i soli in piscina, noi e loro
come ebbri in attesa del suono
che arriva e libera tutti.

Ma in sala insegnanti sempre scopri
la prof che rimane più del tempo:
lega i compiti con le fascette
e sbarra con la biro i registri.
Troverà, uscendo, le strade più sgombre,
più duro, a casa, il pane in cassetta.

Francesco Targhetta (Treviso, 1980), inedito


Integrazione

Sta a Bologna, contratto co.co.co.,
appartamento condiviso con quattro
studenti, trecentosettantacinque
più bollette, letto e scrivania
acquistati all’Ikea: mi dice che ogni
sveglia delle sette fa rinascere l’idea
di andarsene da lì. Alla Coop
di via Mazzini compriamo le Macine
per domani a colazione: confessa
che forse la tessera del supermarket
gli converrebbe farla davvero, che
sono queste le piccole stronzate
che ti aiutano a prenderla meglio,
anche se poi alla cassa mi parla dell’ex
che spunta ogni tanto dall’angolo
con via Zamboni, e usciamo
sulla strada che già è umida la sera.

“Con tutti ‘sti biscotti, se avevo la tessera,
avrei già preso la caffettiera”.

Francesco Targhetta (Treviso, 1980), da Fiaschi (ExCogita, 2009)