Su un modo di innaffiare i gerani

L’esercizio più difficile è trasportare l’acqua da una stanza
all’altra, quest’acqua tutta
a mani nude. I palmi molli, le unghie come le conchiglie. Il buio
sta in cucina,
sotto al tavolo. La luce si assottiglia in quella linea da seguire,
il fallimento che va dal bagno ai fiori sul balcone.

Alessandro Grippa (Treviglio, 1988), da Opera in terra (LietoColle-Pordenonelegge, 2016)



Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...