‘l eco de le vósi

Al vènare e a la doménega
se magna da la zia
la tola xe la TULIP de la Knoll
la zia prepara al vènare pésse
e a la doménega ganasséte
de inverno megio méterse
un magión belo grosso de lana
la stanzéta xe freda –
anca parché el muro confina
col spazio grando de quela che na volta
gera la nostra fornasa e che desso i organiza
mostre de la Bienàl –
sèrte matine se sénte che i bate
zénte che va e che vien, e ʼl eco de le vósi.

Andrea Longega (Venezia, 1967), inedito


L’eco delle voci

Al venerdì e alla domenica / si mangia dalla zia / il tavolo è il TULIP della Knoll / la zia prepara al venerdì pesce / e alla domenica guancette di vitello / dʼinverno meglio indossare / un maglione pesante di lana / la stanzetta è fredda – / anche perché il muro confina / con lo spazio grande di quella che una volta / era la nostra fornace e dove adesso organizzano / mostre della Biennale – / certe mattine si sente battere / gente che va e che viene, e lʼeco delle voci.

 

 

Annunci

Di mattina presto in motoscafo

«Dighe che ‘l vada pian 

                                      che me manca ancora un ocio»                                 
Di mattina presto in motoscafo
le donne si truccano
il viso
intirizzite dal freddo armeggiano
svelte con specchietti e pennelli
e io là di fronte seduto
aspetto che arrivi
il momento cruciale
quando devono tracciare
– contro onde
e attracchi sbagliati –
dritta quella linea sotttile
sotto gli occhi.

Andrea Longega (Venezia, 1967) da Finìo de zogàr (Il ponte del sale, 2012)

De matina presto in batèlo
le done se dà
el truco sul viso
ingrotoìe dal fredo le briga
svelte co specéti e penèli
e mi là davanti sentà
speto che riva
el momento crucial
co le ga da tirar – contro onde
e atràchi sbagliai –
drita quela riga fina
a la base de i oci.