Direzioni

Certe direzioni sono modi
improvvisati di restare in equilibrio,
gesti istintivi comandati da un niente.
Per questo le traiettorie precise
sono cose da aeroplani, da stormi in migrazione
che capiscono il vento. Gli uomini onesti
non dicono io vado: cantano pianissimo
se una strada li porta, se una curva spalanca
un mare abbagliante.

Massimo Gezzi (Sant’Elpidio a Mare, 1976), da L’attimo dopo (Sossella, 2009)

 

Annunci

2 commenti on “Direzioni”

  1. Amato ha detto:

    Bella Massimo, mi è piaciuta

  2. Gianluca D'Andrea ha detto:

    Non tra le migliori di Gezzi, incipit magrelliano, e non solo:

    Ho spesso immaginato che gli sguardi
    sopravvivano all’atto del vedere
    come fossero aste,
    tragitti misurati, lance
    in una battaglia.
    Allora penso che dentro una stanza
    appena abbandonata
    simili tratti debbano restare
    qualche tempo sospesi ed incrociati
    nell’equilibrio del loro disegno
    intatti e sovrapposti come i legni
    dello shangai.

    V. Magrelli (Nature e venature)


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...