De èlare albìssa unbrìa

Nantri semo ancòi l’unbrìa
albìssa de le èlare sbregade
dei paredi.

Sbregadi
sensa virtir in ta la criura
del zorno sbilfà del vent
menà de luntani rivai
nevegadi.

De albìssa
unbrìa semo nantri ancoi.

 

L’ombra bianca delle edere

Oggi noi siamo l’ombra
bianca delle edere strappate
dai muri.

Strappati
senza avviso nel gelo
del giorno aggredito dal vento
portato da lontani declivi
nevicati.

Di bianca
ombra siamo noi oggi.

Ivan Crico (Gorizia, 1968), inedito

Annunci