Al paez mael

Su la còsta del bosc
tel stornir mataran
de la vèrta ‘l se cata
de òlta in tra mèd i vestì
tèndri de le zaresère
cusì dret, scur
al par an vècio intabarà
restà par sbaljo
in tra mèz tante tosatèle
lidiére de recami
de vènt e de parfun
fursi ‘l se sènt
tel so èser ancora lu,
an putinòt fòra stajon,
gnanca pi bon de far tremar
ma solche de far rider
cor cévedi de fior.

Luciano Cecchinel (Revine Lago, 1947)

Il pino solitario

Sul crinale del bosco
nel frastornare pazzerello
della primavera si trova
improvvisamente in mezzo ai vestiti
teneri delle piante di ciliegio
così diritto, scuro
sembra un vecchio intabarrato
rimasto per errore
in mezzo a tante bambine
leggere di ricami
di vento e profumo
forse si sente
nel suo ancora essere se stesso
un fantoccio fuori stagione,
neanche più capace di far tremare
ma solo di far ridere
cuori tiepidi di fiori.

Annunci

Se ho scritto è per pensiero

Se ho scritto è per pensiero
perché ero in pensiero per la vita
per gli esseri felici
stretti nell’ombra della sera
per la sera che di colpo crollava sulle nuche.
Scrivevo per la pietà del buio
per ogni creatura che indietreggia
con la schiena premuta a una ringhiera
per l’attesa marina – senza grido – infinita.
Scrivi, dico a me stessa
e scrivo io per avanzare più sola nell’enigma
perché gli occhi mi allarmano
e mio è il silenzio dei passi, mia la luce deserta
– da brughiera –
sulla terra del viale.
Scrivi perché nulla è difeso e la parola bosco
trema più fragile del bosco, senza rami né uccelli
perché solo il coraggio può scavare
in alto la pazienza
fino a togliere peso
al peso nero del prato.

Antonella Anedda (Roma, 1958), da Notti di pace occidentale (Donzelli, 1999)

 


De natura rerum

Lucrèce le savait:
Ouvre le coffre,
Tu verras, il est plein de neige
Qui tourbillonne.

Et parfois deux flocons
Se rencontrent, s’unissent,
Ou bien l’un se détourne, gracieusement
Dans son peu de mort.

D’où vient qu’il fasse clair
Dans quelques mots
Quand l’un n’est que la nuit,
L’autre, qu’un rêve?

D’où viennent ces deux ombres
Qui vont, riant,
Et l’une emmitouflée
D’une laine rouge?

Yves Bonnefoy (Tours, 1923), da Quel che fu senza luce. Inizio e fine della neve (Einaudi, 2001)

Lucrezio lo sapeva:
Apri il baule,
vedrai, è colmo di neve
che turbina

e a volte due fiocchi
s’incontrano, unendosi
oppure uno si volta, graziosamente
nella sua poca morte.

Di dove quel chiarore
in alcune parole
quando l’una non è che notte,
l’altra, solo sogno?

Di queste due ombre
che, ridendo, vanno
e l’una raggomitolata
in una lana rossa?

 


L’eclissi

Dov’era la luna? Il cielo era chiuso
dai tetti, e tutti tendevano
la testa e il collo, per vederla meglio.
E anch’io. L’ho vista farsi rossa.
Ho abbassato gli occhi. Un lampione. Solo,
padrone della scena,
pareva lui la luna
in una notte buia. Illuminava
le geometrie essenziali
delle periferie, e mi domandava,
muto, che c’entrava la luna
l’eclissi e il moto dei pianeti,
con tutti quei palazzi
e quelle strade.

Claudio Carabba (Roma, 1980), da I canti dell’abbandono (Mondadori, 2011)


Da quando ti ho incontrato ho ancora voglia

Da quando ti ho incontrato ho ancora voglia
di appendere qualcosa ai muri,
di risentirmi in pace coi miei muri…
Ma lungo il gesto breve, nell’esatto
modo di sistemare le candele
c’è già tutta l’attesa del tuo sguardo
e la vertigine veloce di stagioni
che passeranno prima che tu veda.
Anche così ci si alza e si vive
come svuotando e riempiendo la casa
non di sé ma dell’arrivo di qualcuno…

Isabella Leardini (Rimini, 1978), da La coinquilina scalza (La vita felice, 2002)


Ava decianni

                                                                                                     A Goliarda Sapienza

Ava decianni,
ca m’abbruciu,
ca ‘nfestu na casa
e llordu cucini,
ma ancora u viziu i friiri,
nun m’aju livatu:
ca certu,
cchi fimmina si
suddu nun sai friiri ?
Picchì i masculi su comu
Ddì pisci scunchiuruti
– usu miruzzu –
can un sanu i nenti,
e sulu na fimmina
– ca ‘nfarina e chianta focu,
i ppò prisintari a taula;
sulu ca a frittura
‘ntuppa arterii
jetta pisanti
aggruppa
acchiana:
ma chistu a niautri fimmini
ni piacia scurdarinnillu,
e ni dicemu quasi priannu
ca si campa na vota sula,
si mangia soccù s’attrrova
e c’abbasta
canciarici l’ogghiu, mintirici
a carta di sutta,
ca fa menu mali,
anzi,
mali nun fa.

Sono dieci anni / che mi brucio, / che infesto la casa intera / e sporco cucine, / ma ancora il vizio di friggere, / non me lo sono levata: / che certo, / che femmina sei / se non sai friggere? // Perché i maschi sono come / quei pesci senza sapore / – tipo merluzzo – / che non sanno di niente, / e solo una donna / – che infarina e accende il fuoco, / li può portare in tavola; / solo che la frittura / ostruisce le arterie / risulta pesante / si blocca / risale: / ma questo a noi donne / ci piace dimenticarlo, / e ci diciamo quasi pregando / che si campa una volta sola, / si mangia quel che si trova / e che basta / cambiare l’olio, metterci / la carta di sotto, / che fa meno male, / anzi, / male non fa.

Dina Basso (Scordia (CT), 1988)


La cima

Krön

Med en suck börjar hissarna stiga
i höghus ömtåliga som porslin.
Det blir en het dag ute på asfalten.
Trafikmärkena har sänkta ögonlock.

Landet en uppförsbacke mot himlen.
Krön efter krön, ingen riktig skugga.
Vi flyger fram på jakt efter Dig
genom sommaren i cinemascope.

Och på kvällen ligger jag som ett fartyg
med släckta lysen, på lagom avstånd
från verkligheten, medan besättningen
svärmar i parkerna där i land.

Tomas Tranströmer (Stoccolma, 1931), da Klanger och Spår (1966) [Echi e tracce], in Poesia del silenzio (Crocetti, 2011)

Come un sospiro gli ascensori iniziano a salire
in alti edifici fragili come porcellana.
Fuori su l’asfalto si fa caldo il giorno.
I segnali hanno le palpebre abbassate.

La terra una salita verso il cielo.
Cima dopo cima, nessuna vera ombra.
Voliamo avanti a caccia di Te
per l’estate in cinemascope.

E di sera sono un vascello
a luci spente, a giusta distanza
dalla realtà, mentre a terra
nei parchi fluisce l’equipaggio.