Al paez mael

Su la còsta del bosc
tel stornir mataran
de la vèrta ‘l se cata
de òlta in tra mèd i vestì
tèndri de le zaresère
cusì dret, scur
al par an vècio intabarà
restà par sbaljo
in tra mèz tante tosatèle
lidiére de recami
de vènt e de parfun
fursi ‘l se sènt
tel so èser ancora lu,
an putinòt fòra stajon,
gnanca pi bon de far tremar
ma solche de far rider
cor cévedi de fior.

Luciano Cecchinel (Revine Lago, 1947)

Il pino solitario

Sul crinale del bosco
nel frastornare pazzerello
della primavera si trova
improvvisamente in mezzo ai vestiti
teneri delle piante di ciliegio
così diritto, scuro
sembra un vecchio intabarrato
rimasto per errore
in mezzo a tante bambine
leggere di ricami
di vento e profumo
forse si sente
nel suo ancora essere se stesso
un fantoccio fuori stagione,
neanche più capace di far tremare
ma solo di far ridere
cuori tiepidi di fiori.


Se ho scritto è per pensiero

Se ho scritto è per pensiero
perché ero in pensiero per la vita
per gli esseri felici
stretti nell’ombra della sera
per la sera che di colpo crollava sulle nuche.
Scrivevo per la pietà del buio
per ogni creatura che indietreggia
con la schiena premuta a una ringhiera
per l’attesa marina – senza grido – infinita.
Scrivi, dico a me stessa
e scrivo io per avanzare più sola nell’enigma
perché gli occhi mi allarmano
e mio è il silenzio dei passi, mia la luce deserta
– da brughiera –
sulla terra del viale.
Scrivi perché nulla è difeso e la parola bosco
trema più fragile del bosco, senza rami né uccelli
perché solo il coraggio può scavare
in alto la pazienza
fino a togliere peso
al peso nero del prato.

Antonella Anedda (Roma, 1958), da Notti di pace occidentale (Donzelli, 1999)