Lascio da parte i commenti da marciapiede

Lascio da parte i commenti da marciapiede
alle luci stente sbranate di marzo
non spetta giudizio
e una fiera d’anime, il controcanto
del viaggio, mi ingombra l’aria
come singhiozzi di morte alla catena.
Quasi sempre la parte in vista di noi
è un lascito magro alla curva di un bancone,
raccolti su un tavolo, quando i minuti
muti senza sonno sospesi
non si possono dire e puoi passare
la sera a farti notare per quello che porti
o difendere un vizio senza discorsi,
così, non spartire niente di te.
Vedi quanto manca a saperci conclusi.

Alessandra Frison (Verona, 1985), da poetarumsilva.wordpress.com

Annunci