Buone feste

I poeti augurano buone feste a tutti.
Durante le vacanze andate a leggere le poesie che vi siete persi o a rileggere quelle che vi sono piaciute.
I poeti ritornano il 7 gennaio.

Annunci

Presèpio. Diaèto

Chea strabenedhéta bona vòjia
che te ciapa de far su ‘l presèpio,
òni àno, e òni àno pì grando,
pì bèl; ‘a cura che te ghe mete,
po’, ‘a passión. Là, cuzhàdha,
par tèra, drio ‘l cantón dea sàea,
tì, cussì maeandàdha, che se ‘o
capìsse, sàtu? quant che te diòl
i dhenòci, dopo, co’ te lèva su…
là, a pontàr el cel pièn de stée
co’e brochéte, tel muro, a pudhàr
tute ‘e piègore tel mus.cio… e po’
el fògo, co’e lucéte che baca soto
‘a carta dee narànzhe…’e scorzhe
del ró.ro pal tét, ‘e stradhèe de jerìn,
el pozh, l’acqua che score te un lèt
de stagnòea, e lù, el Gesù banbìn,
co’i brazhéti vèrti, in fra ‘a pàjia
e un nido de bachéti incrosàdhi…
Pa’ i nevodhéti, lo so, capìsse…
ma tì no’ te capìsse che no’é pì tenpi
e reijión, che mì no’ò pì tenpo de ‘ndar
in zherca del mus.cio che té ocóre,
che no’sò pì ‘ndove ‘ndar a catàrlo…
e che no’ i ghe crede pì, i bòce: l’é
pì ‘l deghèio che i fa su… che dopo
té sacramentéa, a tacàr co’l scòc
‘a carta che i sbrèga pa’ tocàr co’
i déi ‘e stée, a cavàr via dal mus.cio
i sasséti  dee stradhée sbaràdhe,
a méter in pie ‘e statuéte rebaltàdhe…
che me vignaràe squasi vòjia de dirte
basta, Mare, ‘àssea star ‘sta poesia,
santa; e varda i nostri paesi, pitòst
varda! che saràe da inpinìr el mus.cio
(mus.cio che ‘sto àno ò vist parfìn
tee scansìe de l’Ipercòp; che i ‘o
vendéa, capissìtu? i vende anca
quel romài! che saràe da inpinìrlo,
chel mus.cio, co ‘e scàtoe dee scarpe
e co quee dee tó medesìne, dee mé ciche,
cussì, a somejiàr tuti ‘sti capanóni, i Centri
Comerciài, che l’é quea, romài, ‘a realtà
che i tó nevodhéti conósse… el tubo dea carta
da cèsso a far ‘e ciminière… i Re Magi
farli ‘rivàr sora ae machinéte de mé fiòl:
al modheìn de un gipón, de ‘na Bièmewu,
de ‘na Mercèdes, altro che camèi…
che ‘l Gesù banbìn no‘l va in tivisión,
tii reàliti, tii tolc-sciò, e ‘lora no’ l’esiste,
capissìtu? no’ l’é un vip, no ‘l conta pì nient…
Vàrdene, Mare: sen qua, mì e tì, tì co’e tó
statuéte, el mus.cio, mì co’e mé pòre paròe,
el diaèto; vàrdene: sen qua a provàr a tègner
fermo un mondo che scanpa via senpre pì
de prèssa, infagotàndoeo de sintimenti,
popoeàndoeo de erba e pastori, de storie
che ‘e sa da fen, da mufa. Fen pròpio da rider!
però, ‘scólteme, Mare: ‘ndarò in zherca
del tó mus.cio anca l’àno prossimo, te ‘o prométe
continuarò a‘ndar in zherca de paròe
vèce, òni dì, pa’a mé poesia, ‘l presèpio
e pa’ i nevodhéti che mé rivarà, anca a mì…

Fabio Franzin (Milano, 1963), da Mus.cio e roe [Muschio e spine] (Le voci della Luna, 2007)


Presepe. Dialetto

Quell’irrinunciabile desiderio / che ti prende di allestire il presepe, / ogni anno, e ogni anno più ampio, / più ricco; la cura, minuziosa, in ogni suo dettaglio, / la passione. Lì, accucciata / sui calcagni in un angolo della sala, / tu, così malandata che, lo / capisco, sai? quanto ti dolgano / le ginocchia, poi, mentre ti risollevi… // lì, a fermare il cielo stellato / con le puntine da disegno, nel muro, a sistemare / tutte le pecore nel muschio… e il fuoco, / poi, con le luci intermittenti sotto / un batuffolo di carta delle arance… le cortecce / grinzose del rovere per il tetto, le stradine di ghiaino, / il pozzo, l’acqua che scorre in un letto / di stagnola, e lui, il Gesù bambino, / con le braccine aperte, fra la paglia / e un nido di bastoncini incrociati… // per i nipotini, lo so, capisco… // ma tu non capisci che non è più tempo / che non c’è più sacralità, che io non ho più tempo per andare / a raccogliere il muschio che ti serve, / che non so neppure dove andare a cercarlo, poi!… / e che non ci credono più, i bambini: è più / il disastro che combinano… che poi / sbuffi, a riattaccare con il nastro adesivo / la carta che strappano per toccare le stelle / con le dita, a togliere dal muschio / i sassolini delle stradine sparpagliate, / a mettere in piedi statuine ribaltate… / che mi verrebbe quasi voglia di dirti / basta, mamma, lasciala perdere questa poesia, / sacra; e guarda i nostri paesi, piuttosto // guardali! che sarebbe da riempire tutto il muschio / (muschio che quest’anno ho persino visto / fra gli scaffali dell’Ipercoop; che era / in vendita, capisci? vendono anche quello / ormai! che sarebbe da disseminarlo, / quel muschio, di scatole di scarpe / e di quelle delle tue medicine, delle mie sigarette, / così, a figurare questi distretti di capannoni industriali, di Centri / Commerciali, che sono, ormai, il reale paesaggio / che i tuoi nipotini vivono, conoscono… il tubo della carta / igienica per mimare ciminiere… i Re Magi / farli arrivare su di una di quelle macchinine di mio figlio: / al modellino di un fuoristrada, di una Bmw, / di una Mercedes, altro che cammelli… / che Gesù bambino non appare in tivù, / non va ai reality, ai talk-show, e quindi non esiste, / capisci? non è un vip, non è più nessuno… // Guardaci, mamma: siamo qui, io e te, tu con le tue / statuine, il muschio, io con le mie povere parole, / con il dialetto; guardaci: cerchiamo, strenuamente, di trattenere / a noi un mondo che si allontana a una velocità / impressionante, avvolgendolo di valori, di sentimenti, / popolandolo di erba e pastori, di storie / che odorano di fieno, di muffa. Siamo proprio ridicoli! // però, ascoltami, mamma: andrò a raccogliere / il tuo muschio anche il prossimo anno, te lo prometto // continuerò a raccogliere parole / vecchie, ogni giorno, per la mia poesia, per il presepe / e per i nipotini che arriveranno anche a me…

 

 

 

 


Un luogo che conosco, un mestiere

Un luogo che conosco, un mestiere
con pochi gesti, una casa
in cui tornare, la pace data
dall’essere utile, parole poche
per dire senza veli, la faccia
senza pesi né lamenti. Sembra
la lista della spesa, ma è la fame
ciò che manca, l’insicurezza
nel farsi uomini.

Marco Scarpa (Treviso, 1982), da Mac(‘)ero (Raffaelli, 2012)


La metropoli

Amate la metropoli, ragazzi,
specialmente al mattino, quando il tram
è un covo di bestemmiatori; amate
i nomi inglesi, le etichette audaci:
considerate la vita attiva.
La bestemmia più folle è nel pensiero
quella che non esplode e si contorce
nel vostro cuore. Amate
le bellezze del mondo, il raggio impallidito
nelle nuvole, il vento che le porta vita.

Una volta era facile
amare, e questo amore si mutò

presto in veleno. Ci fu un tempo
glorioso, quando la città
non era puritana
e il futuro veniva deciso
sulle spallette dei Navigli.

Se amarla non potete, mettetela
a ferro e fuoco.

Emilio Isgrò (Barcellona Pozzo di Gotto, 1937), da L’età della ginnastica (Mondadori, 1966)


soap opera

Mi appassiono alle soap opera
nostrane come mai avrei creduto.
Con le loro storie
che ti insegnano a vivere,
come ci si comporta e come no
nelle cose degli affetti. E poi
ci sono i talk show che dicono tutto,
basta imparare. Guardare e imparare.
È bello sapere che c’è un metodo,
che non siamo soli
davanti al televisore.

Igor De Marchi (Vittorio Veneto, 1971), da Resoconto su reddito e salute (Nuova Dimensione, 2003)


Epidemia

Da oltre una settimana
sono in totale balia
d’una ignota epidemia
d’influenza culturale
ma per niente locale,
virus internazionale.
Appena svegli da insonnia
rincorro il mercurio che sale
dentro al micro ascensore
del termometro, trovo la febbre
ferma al trentanovesimo piano.

Valentino Zeichen (Fiume, 1938), da Neomarziale  (Mondadori, 2006)


Non sunt quae possint enumerari

Non sunt quae possint enumerari
munera dulcia munera illa
quae dilabuntur sicut favilla
praecipitata in vasto mari
quae ignorant leges et omnia jura
nisi quod lurida mors est futura.

Gabriella Leto (Roma), da Nostalgia dell’acqua (Einaudi, 1990)