Di chi erano poi queste rose

Di chi erano poi queste rose
che tutti rubano sempre a Dino Campana
le sue, dell’altra, le nostre, le mie?
Siamo sempre di troppo, il più uno
del due e persino dell’uno. Le rose
sono stufe, si capisce, di farsi regalare
eppure sono nostre, io le accetto come un segno
cambio l’acqua con lo zucchero
accorcio il gambo le rivendico sbraitando:
sono mie, mie soltanto!

Maddalena Bergamin (Padova, 1986), da L’ultima volta in Italia (Interlinea, 2017)

Annunci


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...