Aruspicina

Gli aruspici infilavano le mani nelle viscere
e decifravano il futuro: un nodo, un filamento
fuori posto dialogavano con un sogno,
con il passaggio di una cometa. Chiusa
nel tuo scrigno di pelle e amnio tu borbotti
silenziosa, affidi ai pugni, alle gambe
i tuoi messaggi misteriosi. Dici che saremo
due, tre, indissolubilmente. Anche dopo la lontananza,
la chiusura delle porte, la corsa verso il mare
che anche a te nasconderà ciò che nasconde.
Aggiungi che sarà faticoso: che i desideri
provocheranno fratture, partenze, e a sera pianti
nelle camere. Dici che la vita ti appartiene
e ti scuote con un sussulto, batti un colpo
sul palmo e prometti che la farai viva,
la popolerai di mille suoni.
Sussurri che ti piacciono le sciarpe, la musica
post rock, le scie degli aerei intrecciate
in quelle x. Qualche volta dormi pure e predici
che tutti veglieremo scrutandoti,
contando i tuoi respiri.

Massimo Gezzi (Sant’Elpidio a Mare, 1976)

 

Annunci

2 commenti on “Aruspicina”

  1. lucetta frisa ha detto:

    Mi dispiace non poter mettere la mia faccina nel Mi Piace, mi è impossibile,non so perché. Prima potevo. Mah.

    Volevo segnalarvelo.

    Saluti cari

    Lucetta Frisa

  2. A.C. ha detto:

    Mirabile transizione da mitologico-antico a presente-quotidiano, l’alternarsi di realissimo quasi crudo e fine ed etereo mistero.
    Complimenti, complimenti sentiti: dove posso leggerti ancora?

    Saluti,
    Andrea C


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...