Chiedimi conto di quanta felicità

Chiedimi conto di quanta felicità
ci porti in salvo ad ogni estate,
che per noi soli
è un’ora lenta senza risveglio
e senza nome senza fatica.

Antonio Riccardi (Parma, 1962) da Il profitto domestico (Mondadori, 1996)