Periplo

Bisogna prima attraversare il palcoscenico 
di un campiello polveroso messo  sghembo 
con due case rosse a far da quinta e una curva 
per funamboli provetti  

un passaggio  obbligato 
una dogana dove lasciare il pegno 
del tuo irrompere  maldestro  in quell’eden d’acqua 
luce riflessa e orizzonti sconfinati. 

ti spetta ora  una strada stretta fra due rive
che corre tutto intorno alle barene e anche oltre 
dove non credi sia più possibile arrivare

una strada piana talvolta solo un sentierino
che ti porta dove lei vuole e non c’è mai meta
un luogo definitivo in cui sostare

rallenti allora e guardi indietro 
-magari con un poco di apprensione- 
la strada fatta  e la distanza  
da ciò  che hai avuto cuore di lasciare

solo due case  laggiù due tetti grigi
che appena si lasciano scoprire 
sopra il contorno di due aironi in volo
il resto è tutta laguna e il suo cielo orizzontale

e così sai che qui  ogni cosa torna
ed è forse  il momento di rientrare.

Lino Roncali (1949), Lio Piccolo (Lietocolle, 2019)



Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...