Al discaunt

Ècoeo qua el pòpoeo. Zent fiaca
che fraca el só carèl, che varda,
ciapa in man, palpa un pomidoro,
un pachét de biscòti, da casséte
e scaffài. Che sufia pa’ vèrder
i sacheti, pa’ slargàr ben i guanti.

Che ‘spèta l’oferta, el tre par dó
tea pasta, el sconto del quaranta,
parché i schèi no’ basta pì, parché
i ‘é cascàdhi, de nòvo, tea miseria,
e cronpa vòvi al posto dea carne,
che ‘e uniche stée che i vede, tel só
cel, le ‘é quee tel brodo dea menestra.

Dó su tre i ‘é pensionati, cheàltri
che resta cassintegrati. El quaranta
par zhento de chi che ‘è qua, incùo,
l‘à un redito da fame. Un, lo vede
co’ i mé òci, pròpio ‘dèss, longo

el banco dei frighi, fra ‘e mozarèe
e ‘i yogurt, el brinca un tòc de grana,
e sguèlto lo ‘sconde drento ‘a scasséa
del só paltò griso, e a mì, chel sèst,
el me fa mal, no’ son pì bon de dighe
ladro. Spere sol che no’ i ‘o bèche.

 

Fabio Franzin (Milano, 1963), inedito

 

Al discount

Eccolo qua il popolo. Gente spenta / che spinge il proprio carrello, che guarda, / prende in mano, tasta un pomodoro, / un pacchetto di biscotti, da cassette / e scaffali. Che soffia per aprire / i sacchetti, per allargar bene i guanti. // Che attende l’offerta, il tre per due / sulla pasta, lo sconto del quaranta, / perché i soldi non bastano più, perché / sono caduti, di nuovo, nella miseria, / e comperano uova al posto della carne, / che le uniche stelle che scorgono, nel loro / cielo, sono quelle nel brodo della minestra. // Due su tre sono pensionati, quelli / che restano cassintegrati. Il quaranta / per cento di chi è qui, oggi, / ha un reddito da fame. Uno, lo vedo / coi miei occhi proprio adesso, lungo // il bancone-frigo, fra le mozzarelle / e gli yogurt, arraffa un tocco di grana, / e lesto lo nasconde dentro la tasca / del suo paltò grigio, e a me, quell’atto, / mi fa male, non sono più capace (e disposto) a definirlo / ladro. Spero solo che la faccia franca.