Meccanismo infernale

In balìa di una grande occasione d’angoscia,
stupida e falsa, irrilevante
come ogni occasione d’angoscia,
saper bene cosa dover fare, e farlo,
è tutta un’altra cosa.

Ma la peggiore delle cose è farne,
per salvarsi, un argomento di scrittura
come farebbe il più imbecille dei poeti.

Non ci si muove d’un passo verso
la salvezza, ci s’infogna,
si gira attorno alla cosa da fare
deliberatamente, con il diavolo in testa.

Ci si affeziona al dolore e alla rabbia
e si vorrebbe non sapere
la via d’uscita,
che è lì davanti bella spalancata
ad aumentarci l’impotenza
del non volerla prendere
pur sapendo che è buona.

Così, dicevo, sragiona l’imbecille,
e meno uno lo è
più si scava la fossa all’inferno.

Poesia, schifosa scappatoia,
sparisci, via, dalla mia vita.
Stefano Dal Bianco (Padova, 1961), da Prove di libertà (Mondadori, 2012) 



Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...