L’è no quistiun de droga o de la sgnappa

L’è no quistiun de droga o de la sgnappa,
che quel che brüsa den’ l’è ‘l nost sperà,
trattà cuj òmm e pèrdess ne la lappa,
‘na storia s’ceppa che ghe fa penà…
L’è lì la vita, e le sluntana el vent,
e mai ghe sarèm dent cume a nuà…
L’è culpa del durmì, del viaculvent
de tanta giuentü prunta a massàss…
el capì no, vultàss, quel fàss dement
per minga vêd la merda del sugnàss,
quel scùndess ne la pulver del mument
e vègh paüra di fis’c del memurià…
E alura stèm lì schisc, a streng i dent,
pien de nagott, alegher nel pissà…

 

Non è questione di droga o di grappa,
ché quel che brucia dentro è il nostro sperare,
trattare con gli uomini e perdersi nella chiacchiera,
una storia spezzata ci fa penare…
È lì la vita, e l’allontana il vento,
e mai ci saremo dentro come nel nuotare…
È colpa del dormire, del matto disperarsi
di tanta gioventù pronta ad ammazzarsi…
…il non capire, voltare la testa, quel fare gli scemi
per non vedere la merda del nostro sognare,
quel nascondersi nella polvere del momento
e aver paura dei fischi della memoria…
E allora stiamo sottomessi, a stringere i denti,
pieni di niente, allegri nel pisciare…

 

Franco Loi  (Milano, 1937), da Voci d’osteria (Mondadori, 2007)

 

Annunci


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...