Il buonumore dei vecchi

Il buonumore dei vecchi ha impronte leggere,
lascia le cose dove stanno,
non la tira per le lunghe.
Sente le lacrime delle cose
come presto rifluiranno
e se altre ne discenderanno
sarà come nei giorni di pioggia
che ai bambini sembrano eterni
perché cielo e terra si son confusi.
Nico Naldini (Casarsa, 1929), da La curva di San Floreano (Einaudi, 1988)


L’è no quistiun de droga o de la sgnappa

L’è no quistiun de droga o de la sgnappa,
che quel che brüsa den’ l’è ‘l nost sperà,
trattà cuj òmm e pèrdess ne la lappa,
‘na storia s’ceppa che ghe fa penà…
L’è lì la vita, e le sluntana el vent,
e mai ghe sarèm dent cume a nuà…
L’è culpa del durmì, del viaculvent
de tanta giuentü prunta a massàss…
el capì no, vultàss, quel fàss dement
per minga vêd la merda del sugnàss,
quel scùndess ne la pulver del mument
e vègh paüra di fis’c del memurià…
E alura stèm lì schisc, a streng i dent,
pien de nagott, alegher nel pissà…

 

Non è questione di droga o di grappa,
ché quel che brucia dentro è il nostro sperare,
trattare con gli uomini e perdersi nella chiacchiera,
una storia spezzata ci fa penare…
È lì la vita, e l’allontana il vento,
e mai ci saremo dentro come nel nuotare…
È colpa del dormire, del matto disperarsi
di tanta gioventù pronta ad ammazzarsi…
…il non capire, voltare la testa, quel fare gli scemi
per non vedere la merda del nostro sognare,
quel nascondersi nella polvere del momento
e aver paura dei fischi della memoria…
E allora stiamo sottomessi, a stringere i denti,
pieni di niente, allegri nel pisciare…

 

Franco Loi  (Milano, 1937), da Voci d’osteria (Mondadori, 2007)